Social Reputation: 10.000+ FB fan per 5$

Viviamo nel mondo digitale, nel mondo dell’ostentazione, nel mondo dove chi ha più followers vince. Ma… ha senso? Sempre il numero di fan di una pagina Facebook è direttamente proporzionale alla sua importanza? Parliamone.

Nel web marketing un’azienda se non ha followers nel web non esiste.
Riuscire a far girare il nome di un’azienda su internet (o la propria pagina personale) non è facile, bisogna dedicare molto tempo a questo scopo, scrivere news, interagire con i clienti, creare discussioni che a loro volta invoglino altri utenti a discutere e quindi a parlare del prodotto/marchio.

Come facevo a non conoscerlo?

Quante volte vi è capitato di sentir parlare di un personaggio/azienda/marchio per la prima volta, cercarlo quindi su Facebook o su qualsiasi altro social network, trovare la pagina fan e pensare questo personaggio piace a 100.000 persone, come facevo a non conoscerlo? E subito scatta anche il vostro like.

Il numero di followers sui social network conta, ma conta quasi solamente a livello psicologico, mi spiego:

Bar-pieno / Bar-vuoto

E’ sabato sera, voi e il vostro gruppo di amici siete davanti a due locali, non sapete in quale entrare. Quello di sinistra è ben arredato, il cibo è buono e i cocktails fatti bene, quello a destra invece è arredato male, i camerieri sono antipatici, il cibo fa schifo e i cocktails annacquati. La scelta sembra ovvia, invece non è così, perché il locale bello è completamente vuoto, quello mediocre invece ha la coda di persone che aspetta di entrare. Gente chiama gente, molto probabilmente sceglierete il locale brutto ma con tanti clienti, d’altronde un locale può essere bello finché vuoi, ma da soli è difficile fare festa.

Tanti like = curiosità

La stessa cosa succede con le pagine e profili su Facebook, Twitter e Google+, se la pagina è piena sarò più invogliato a mettere like, d’altronde se tutte queste persone hanno messo mi piace ci sarà pur un motivo no? No, non sempre.

Perché questo discorso? Perché ho fatto un esperimento, ho comprato like su Facebook.
Non ho sponsorizzato la pagina grazie agli adv di Facebook, no, ho provato a comprare dei like.

Ho comprato 2000 like, per 5$ (3,59€ per capirci), avrei potuto comprarne 10.000 o anche 100.000, se avessi voluto spendere un po’ di più si può arrivare anche a comprare 1.000.000 di like.

10.000 like per 5$

Esistono decine di siti che offrono questo servizio di compravendita di like/followers, per qualsiasi tipo di social network (Facebook, Twitter, Goolge+, Instagram etc.). Spesso chi offre questi servizi ha a disposizione migliaia di account creati ad hoc, i cosiddetti bot, account fake, quindi finti, hanno un’immagine di profilo, hanno qualche informazione inserita, ma non sono persone vere.
Altri venditori invece offrono utenti reali, non so nei minimi particolari i processi che stanno dietro all’utilizzo di utenti reali, ma teoricamente funziona grazie ad un sistema di baratti tu metti like alla pagina che ti dico io e in cambio ti do qualcosa, soldi o un altro servizio. 

Non è tutto oro quel che luccica, ovviamente.

Per i 3,59€ che ho speso ho ricevuto 2.400 like, 400 in più da quelli promessi dal venditoreI followers sono persone reali, non bot, provenienti da tutto il mondo, se si ha voglia di spendere un po’ di più si può anche chiedere al venditore di like di ricevere solamente like da persone di nazionalità italiana, o qualsiasi altra limitazione si voglia.

Ha senso?

La risposta è , perché:
Le 2000+ persone che hanno messo like alla mia pagina sono si utenti reali, ma al 99{9e56d489e1da8d5f6572479435bff5b8be1cf3b96b254a5d229d008a3c4ce162} dei casi non saranno interessati a quello che faccio, ai miei lavori, alle mie foto e a quello che scrivo, saranno semplicemente like in più, apparentemente 2000 inutili like in più.
Il pro? L’effetto bar-figo-vuoto-bar-brutto-pieno. Gente richiama gente.

Tutto questo perché? Perché hai speso dei soldi per comprare inutili fan?

A parte il fatto del gente richiama gente (avrei dovuto comprare non 2000, ma 20000 fan se avessi voluto vedere i risultati da quel punto di vista) quello che mi importava dimostrare è che bisogna spesso guardare con indifferenza il numero di like sulle pagine dei social network, quello che conta non è il numero di followers ma il numero di utenti che interagiscono con la pagina/profilo.

Interazione. Basta.

E’ molto meglio avere una pagina che piace a 300 persone, 300 persone interessate all’argomento, che interagiscono, creano traffico e fanno girare il nome del marchio/pagina piuttosto che avere 3000 like e avere 30 persone che interagiscono. Ed è quasi solamente questo il valore che conta: l’interazione.

Google+ e come ottenere 10 milioni di followers in una settimana

Non è di troppo tempo fa la notizia di un bug di Google+ che permetteva di rubare o meglio clonare il numero di followers da qualsiasi pagina si volesse. I +1 non erano reali, ma potete immaginare la felicità dei venditori di like alla notizia di questo bug.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.