Il porno senza porno di Von Brandis

Qualche anno fa vidi una serie fotografica che mi colpì molto, mi dimenticai di salvarmela e così non l’ho più ritrovata, fino ad oggi. E’ una serie fatta da Von Brandis, designer ed illustratore del Sud Africa.

Quante volte vediamo foto o progetti bellerrimi che poi perdiamo e non riusciamo più a ritrovare? E’ proprio quello che mi è successo qualche anno fa con questa serie intitolata Obscene Interiors fatta dal designer e illustratore sudamericano Brandt Botes conosciuto anche come Von Brandis.
Leggi tutto “Il porno senza porno di Von Brandis”

Quanto sono veri i reportage di guerra? [video/foto]

Il reportage di guerra, usato fin dalla nascita della fotografia per documentare quello che accadeva al fronte. Vediamo ogni giorno foto di questo tipo, ma quante sono vere? Quante sono manipolate? Quante sono recitate? Ci comunicano quello che è successo o quello che una rivista vuole venderci?

Non sono nè il primo nè l’ultimo a parlare di verità dell’informazione, le mie non vogliono che essere riflessioni personali su questo argomento. Vivendo nel mondo della fotografia e dell’immagine sono più propenso a smontare un’immagine quando la vedo, è una cosa normale, se io spesso mento con la fotografia perché non potrebbero farlo anche gli altri?

Se mentire o meno con la fotografia sia lecito è Leggi tutto “Quanto sono veri i reportage di guerra? “

Panoramiche 360°: le migliori foto ricordo

Spesso se facciamo foto ricordo per ricordare le località nelle quali siamo stati finiamo per avere foto orribili, fatte scattare da qualche passante che passava, finendo così per perdere tutta la magia del ricordo. La soluzione?

Con la memoria che mi ritrovo le foto ricordo sono uno strumento essenziale per immagazzinare un bel posto nel quale sono stato. Le foto che facciamo sono sempre porzioni del panorama che stiamo vivendo, più o meno a tutti sarà capitato di fotografare un panorama mozzafiato, guardarlo nello schermo della fotocamera e pensare meh.

Lasciando stare il discorso dei colori nella foto che non saranno mai come quelli che stiamo vedendo con i nostri occhi, ma l’inquadratura di quello che stiamo guardando spesso, anzi, sempre, non ci soddisfa. Guarda che bella la torre di Pisa, dovessi vedere che grande la piazza di fronte, ma da qui non si capisce tanto. Leggi tutto “Panoramiche 360°: le migliori foto ricordo”

Lastre, 24 pose e mitragliatrici digitali

Una delle variabili che influisce sul risultato della fotografia è sicuramente l’attrezzatura, in che modo lo fa? Come hanno reagito pionieri della fotografia ai rullini fotografici e che differenza c’è tra loro e noi popolo del digitale?

Quella che vorrei proporre oggi non è una mia riflessione, ma di Michele Smargiassi, giornalista di La Repubblica, da anni si occupa di storia e cultura della fotografia e nel suo libro Un’autentica bugia – La fotografia, il vero, il falso ha spiegato in maniera esemplare come il poter produrre tante fotografie grazie al digitale non sia un sinonimo di qualità, anzi, spesso è il contrario. Leggi tutto “Lastre, 24 pose e mitragliatrici digitali”

Otherscapes: una nuova definizione di nudo artistico

La Nude ArtNudo Artistico così di moda negli ultimi anni. Avete presente quando guardate un progetto fotografico o un lavoro e la prima cosa che pensate è: è una cosa semplicissima, così semplice che nessuno l’ha mai pensata. Chiamiamola ruota se vogliamo. E’ proprio questo che ho pensato guardando Otherscapes.

Otherscapes è un progetto fotografico di Carl Warner, fotografo inglese già molto famoso per i suoi still-life. Ha fatto diverse campagne pubblicitarie fotografiche e televisive grazie ai suoi paesaggi creati utilizzando cibi di ogni tipo, tutte foto super originali, ma si è superato. Leggi tutto “Otherscapes: una nuova definizione di nudo artistico”

Più si fotografa meno si scatta

Riflettendoci… chi scatta di più? Un fotografo o un appassionato? Secondo l’immaginario collettivo un fotografo è colui che vive con la sua macchina fotografica appesa al collo, un po’ come fosse un turista giapponese. E’ vero? E’ così? Parliamone.

Per come ho potuto notare, osservando le persone che mi circondano e cercando di osservarmi da fuori, in terza persona, più ci si ritrova immersi nel mondo fotografico più ce ne si allontana. Più la fotografia diventa la propria vita più nei momenti liberi si cerca di staccare. Più si fotografa, meno si scatta.

Credo sia un percorso naturale, se passiamo le nostre giornate a organizzare servizi/set fotografici appena avremo un momento libero cercheremo di Leggi tutto “Più si fotografa meno si scatta”

Stock photos, la morte della fotografia?

Stock Images, fotografie vendute appunto in stock, tante a poco prezzo. Queste banche d’immagini sono la morte della fotografia? Hanno contribuito alla crisi nel mercato fotografico oppure hanno creato un mercato a parte? Parliamone con Nicola Ghezzi, Marketing Director di GettyImages e iStockphoto.

Era da tempo che volevo scrivere qualcosa riguardo la vendita di immagini in stock e quale occasione migliore di un treno con l’aria condizionata troppo alta per riuscire a farti dormire in pace? Probabilmente era destino.

Qualche tempo fa sono stato ad un incontro organizzato da Tau Visual e tenuto da Nicola Ghezzi, il marketing director italiano di una delle potenze mondiali di vendita d’immagini in stock: GettyImages (e di conseguenza anche di iStockphoto). Essendo un argomento del quale si sente parlare spesso sono andato Leggi tutto “Stock photos, la morte della fotografia?”

Backup Online archivio fotografico: la soluzione

Sono decine i servizi di storage online gratis e a pagamento. Erano mesi che cercavo una soluzione, dopo mille problemi finalmente sembro aver trovato quello che fa per me e per chiunque altro abbia bisogno di salvare le proprie immagini online.

Dropbox, Google Drive, Picasa Album, Flickr, Box, Adrive sono millemila i servizi di archiviazione online, ma possibile? Non trovavo quello che fa per me. Ma ora finalmente sono arrivato ad una soluzione, deriva da un servizio che tutti conoscevamo, ma promette molto di più.

Avevo già brevemente parlato di come effettuare il backup delle proprie fotografie, si sa, non si è mai abbastanza sicuri quando si parla di file, ci vuole nulla per perdere lavori importanti o trovarsi file danneggiati. In quell’articolo avevo scritto in maniera veloce come fare un backup in locale, quindi su hard disk che poi terremo a casa o in ufficio.

E se volessimo avere un’ulteriore garanzia? Leggi tutto “Backup Online archivio fotografico: la soluzione”

Fotografia e condivisione: la rovina della realtà

In macchina, al bar, in discoteca, in metropolitana, al ristorante, ad un concerto, in spiaggia, al parco, sui marciapiedi. Ovunque, in qualsiasi angolo ci si giri vediamo persone che scattano fotografie. Il fine ultimo è la condivisione per rendere partecipe il mondo di quello che stiamo facendo, ma lo stiamo vivendo veramente oppure siamo troppo impegnati ad informare gli altri di ciò che sta accadendo?
Viviamo ciò che fotografiamo o fotografiamo ciò che dovremmo vivere?

Qualche giorno fa ho letto un articolo dove ci si chiedeva: Fotografare con gli smartphones uccide le nostre esperienze e i nostri ricordi? Di fronte ad un titolo del genere come sarebbe possibile non porsi qualche domanda?

Impariamo a Leggi tutto “Fotografia e condivisione: la rovina della realtà”

Tumblr: è utile per un fotografo?

Tumblr è una piattaforma di microblogging, si condividono cose, ma in piccolo formato. Ha senso utilizzarlo come social network per l’autopromozione di un fotografo?

Ero già da tempo iscritto a Tumblr, una delle piattaforme di microblogging più famose della rete, ma non l’avevo mai usato con la testa.
Cosa mi ha portato a rivalutare questa piattaforma? Qualche giorno fa ho notato che qualche mia foto della serie Underwater era stata pubblicata su Tumblr suscitando un discreto interesse, in meno di due ore più di 1700 persone avevano condiviso le mie foto nel loro blog. Come è facile intuire la cosa mi ha sorpreso e ho voluto approfondire l’argomento.

Tumblr è come mentalità simile a Leggi tutto “Tumblr: è utile per un fotografo?”