Spot della Apple girato in 24h con soli iPhone

Il 24 gennaio è uscito uno spot che vuole celebrare la figaggine dei prodotti Apple, iPhone come se piovessero, neonati che usano iPad e videomaker che montano filmati con il loro Mac nel retro di una jeep che corre in mezzo al fango. Tutto nella norma insomma.
Una particolarità che ha catturato la mia attenzione: lo spot è stato girato e montato in un giorno e per le riprese sono stati utilizzati solamente iPhone e non videocamere professionali.

Prima di tutto, il video in questione è questo:

Nella pagina che la Apple ha dedicato a raccontare la storia di questo video si possono leggere un sacco di cose interessanti.
Il fatto che sia stato girato in una sola giornata fa la sua bella figura (per via dei vari fuso orari in realtà siamo più vicini alle due giornate che al singolo giorno, ma poco importa), e anche dire che siano soltanto usati iPone per le riprese fa il suo effetto, ma, meh.

Idea tanto inutile quanto geniale.

Parto col dire che l’idea di base è geniale, in questo campo la mela morsicata non si smentisce mai: non importa che quello che si fa sia sensato, basta che risulti figo.
Per fare questo video sono state utilizzate 15 troupe sparse in giro per il mondo, ognuna capitanata da un professionista di fama, ogni troupe ha Leggi tutto “Spot della Apple girato in 24h con soli iPhone”

Phonebloks: il telefono (utopico?) del futuro

E’ da poco uscito il nuovo iPhone, Nokia continua a presentare nuovi Lumia, Samsung nuovi Galaxy e Sony nuovi Xperia. Bello schifo. Le aziende, si sa, hanno l’obiettivo di fare soldi, prodotti buoni ma che durano poco. Ed ecco l’idea, fantastica, così fantastica da essere probabilmente impossibile.

Amo la tecnologia, mi piace vedere come nascono nuove invenzioni e come quelle vecchie si evolvano, il problema è uno. La durata.

Lo scopo delle multinazionali è fare soldi, è ovvio, sono aziende e quello che conta è il fatturato, che poi i clienti siano contenti e soddisfatti è solo un plus. Il ciclo di vita di un prodotto elettronico è sempre minore, le mode influiscono con le nostre scelte, ma le aziende fanno il possibile per accellerare il tutto. Basti a quando è stato scoperto che alcuni produttori di stampanti inserivano all’interno di esse un chip programmato per fare inceppare la macchina dopo un tot di stampe eseguite, ovviamente questo accadeva appena finito il periodo di garanzia ed eri costretto a Leggi tutto “Phonebloks: il telefono (utopico?) del futuro”