Phonebloks: il telefono (utopico?) del futuro

E’ da poco uscito il nuovo iPhone, Nokia continua a presentare nuovi Lumia, Samsung nuovi Galaxy e Sony nuovi Xperia. Bello schifo. Le aziende, si sa, hanno l’obiettivo di fare soldi, prodotti buoni ma che durano poco. Ed ecco l’idea, fantastica, così fantastica da essere probabilmente impossibile.

Amo la tecnologia, mi piace vedere come nascono nuove invenzioni e come quelle vecchie si evolvano, il problema è uno. La durata.

Lo scopo delle multinazionali è fare soldi, è ovvio, sono aziende e quello che conta è il fatturato, che poi i clienti siano contenti e soddisfatti è solo un plus. Il ciclo di vita di un prodotto elettronico è sempre minore, le mode influiscono con le nostre scelte, ma le aziende fanno il possibile per accellerare il tutto. Basti a quando è stato scoperto che alcuni produttori di stampanti inserivano all’interno di esse un chip programmato per fare inceppare la macchina dopo un tot di stampe eseguite, ovviamente questo accadeva appena finito il periodo di garanzia ed eri costretto a Leggi tutto “Phonebloks: il telefono (utopico?) del futuro”

Fotografia e condivisione: la rovina della realtà

In macchina, al bar, in discoteca, in metropolitana, al ristorante, ad un concerto, in spiaggia, al parco, sui marciapiedi. Ovunque, in qualsiasi angolo ci si giri vediamo persone che scattano fotografie. Il fine ultimo è la condivisione per rendere partecipe il mondo di quello che stiamo facendo, ma lo stiamo vivendo veramente oppure siamo troppo impegnati ad informare gli altri di ciò che sta accadendo?
Viviamo ciò che fotografiamo o fotografiamo ciò che dovremmo vivere?

Qualche giorno fa ho letto un articolo dove ci si chiedeva: Fotografare con gli smartphones uccide le nostre esperienze e i nostri ricordi? Di fronte ad un titolo del genere come sarebbe possibile non porsi qualche domanda?

Impariamo a Leggi tutto “Fotografia e condivisione: la rovina della realtà”